Skip to main content

Premi di studio

Contenuto

Incentivo economico rivolto a studenti meritevoli

Le studentesse e gli studenti di UNIMORE possono accedere a Premi di Studio che incentivano il merito. Fino all'anno accademico 2021-2022 il premio si basava esclusivamente sulle votazioni ottenute (media degli esami) e sul rispetto dei tempi previsti dal piano di studi. 
Dall'anno accademico 2022-2023 viene introdotta una variante che si pone l'obiettivo di premiare la progettualità della formazione individuale.

Caratteristiche del Premio di Studio (dall'anno accademico 2022-2023)

Per meglio valorizzare il merito e la formazione degli studenti, UNIMORE istituisce, a partire dall'a.a. 2022/2023, premi di studio che possano essere destinati al potenziamento dell'attività formativa e allo sviluppo di progetti che permettano agli studenti meritevoli di accedere a iniziative in grado di rappresentare un reale valore aggiunto all'interno del proprio percorso di studi, e quindi positivi risvolti in termini di carriera e occupazione, quali il potenziamento dell'attività formativa curricolare ed extra- curricolare.
Da una tipologia di premio basata sulla sola valutazione della performance curriculare (media degli esami) si passa, quindi, ad una forma di premialità che vuole, al contempo, riconoscere anche le capacità progettuali dello studente e incentivarne la realizzazione dei bisogni formativi.

Quali sono le attività formative ammesse

Le attività formative che potranno essere realizzate con il Bando premi di studio sono: potenziamento curriculare, sviluppo di soft skills attinenti con il proprio percorso di studi, corsi di lingua, altre tipologie di attività di ricerca.

A quanto ammontano i premi

Invece di un numero prestabilito di Premi di studio (per le edizioni fino all'a.a. 2021/2022 venivano banditi 300 Premi di studio del valore di € 550,00 cadauno), a partire dall'a.a. 2022/2023 sarà istituito un fondo di 200.000,00 € (fondo precedente: 165.000,00 € ) per liquidare i premi suddividendoli in 4 fasce, rispettivamente da 500 – 1000 – 1500 – 2000 € , sulla base delle singole richieste pervenute, fino ad un ammontare totale pari al fondo stanziato. 
La somma di 200.000,00 euro sarà ripartita per ciascun Dipartimento sulla base del numero degli studenti iscritti nell'anno precedente. 
La valutazione delle candidature pervenute e l'ammissione al finanziamento avverrà in prima istanza considerando le risorse a disposizione di ciascuna struttura; in subordine, le somme non attribuite saranno ripartite su progetti relativi ad altre strutture dipartimentali.

Tempi e scadenze

Questa nuova premialità intende realizzare uno strumento innovativo per riconoscere il merito e permettere di ricevere il premio nell'anno accademico successivo a quello in cui lo studente è risultato meritevole. 
L'anno 2023 vedrà così la sovrapposizione di due bandi di premi di studio: 2021 – 2022 (edizione precedente) e 2022 – 2023 (nuova edizione). Tale sovrapposizione di bandi, con relativa successiva erogazione dei premi (anno 2024), è stata opportunamente coperta con un fondo stanziato ad hoc per garantire la corretta erogazione di entrambi i premi previsti in questa fase di transizione.

Requisiti di partecipazione

In virtù della necessità di presentare un progetto formativo a completamento della domanda, sono stati modificati i requisiti richiesti: acquisizione di almeno il 90% dei CFU entro la fine della sessione ordinaria (A.A. 2022 – 2023, il 31/10/2023); media ponderata non inferiore a 28/30, non aver conseguito nessun voto nell’a.a. 2022/2023 inferiore a 24/30 in esami di profitto e la presentazione di un progetto formativo. 
Il progetto formativo proposto deve prevedere la sua realizzazione nell'anno solare in cui il premio viene stanziato (per i premi A.A. 2022 – 2023, anno solare 2024).

Come presentare la domanda

Similarmente a quanto accadeva con la precedente versione del Bando per i Premi di studio, lo studente presenta la domanda tramite l'applicativo di Esse3, accedendo alla sezione "Iscrizione concorsi", ma dovrà anche allegare il progetto formativo che intende svolgere e per il quale chiede le risorse. E' lo studente stesso a indicare la fascia di premio per la quale desidera applicare (500 – 1000 – 1500 – 2000 euro), mentre sarà opera di un Comitato Scientifico appositamente costituito e composto da un rappresentante di ogni Dipartimento valutare, in fase di selezione, la congruità del progetto presentato con lo stanziamento richiesto ed eventualmente ricalibrare la fascia economica dello stesso.

Chi può presentare domanda

Potranno concorrere all'attribuzione dei Premi di Studio tutti gli studenti iscritti nell'a.a. 2022/2023 ad un Corso di laurea triennale, magistrale o magistrale a ciclo unico di UNIMORE. Sono ammessi alla presentazione della domanda anche gli studenti che, nell'a.a. 2022/2023, abbiano completato il proprio percorso di studi conseguendo il titolo di laurea, purché risultino iscritti nell'anno accademico successivo ad un altro corso di studi dell'Ateneo (che rilascia un titolo di valore superiore rispetto a quello già conseguito). Per gli studenti che abbiano completato il proprio percorso di studi ma che non risultino iscritti ad un Corso di studio di UNIMORE, rimane la possibilità di candidarsi al bando "Premi di Laurea".

Come si ottiene e si utilizza il Premio

Dopo che lo studente in possesso dei requisiti presenta la domanda per il Premio di studio tramite Esse3, l'Ufficio Benefici stila un elenco delle istanze pervenute, verifica il requisito di merito, la correttezza formale del progetto e della documentazione allegata. Successivamente, il Comitato Scientifico, all'uopo costituito da Rappresentanti dei Dipartimenti, valuta le domande pervenute e formula una graduatoria di merito a cui correlare il finanziamento. La fase successiva prevede l'accettazione e la sottoscrizione, da parte dello studente, dell'accordo di assegnazione del premio con relative clausole, propedeutiche allo svolgimento dell'attività progettuale. Infine, una volta concluso il progetto, lo studente dovrà fornire la dichiarazione di svolgimento dell'attività. Potranno essere avviate verifiche a campione per la rendicontazione della spesa.

No, non è possibile. Infatti allegare il progetto formativo alla domanda online al sito www.esse3.unimore.it è requisito fondamentale per concorrere al Premio di Studio a.a. 2022/2023.

No, non è possibile. Infatti i nuovi istituti premiali hanno proprio l’obiettivo di finanziare la capacità progettuale dello studente e servono a realizzare il progetto formativo che il richiedente propone.

No, non è possibile partecipare al Bando per il Premio di Studio a.a. 2022/2023 perché il dottorato di ricerca non rientra tra i corsi oggetto dell’incentivo.

No, non è possibile partecipare al Bando per il Premio di Studio a.a. 2022/2023 perché le scuole di specialità medica non rientrano tra i corsi oggetto dell’incentivo.

Si, la tipologia di corso cui sei iscritt* e il percorso di studi che hai completato permettono la presentazione della domanda per concorrere ai Premi di studio.

Non è stato predisposto un elenco prestabilito delle attività realizzabili con l’eventuale assegnazione del Premio perché i progetti da presentare soddisfano l’arricchimento curriculare del singolo studente. E’ comunque possibile rivolgersi al Coordinatore Didattico/Referente Ufficio Stage per un confronto circa le attività coerenti con il proprio percorso di studi o, in alternativa, al Docente indicato dal Dipartimento quale componente del Comitato Scientifico, deputato alla valutazione dei progetti, tenendo però presente che le attività supportate dal bando Premi di Studio potranno riguardare i seguenti progetti:

  • a) potenziamento curriculare
  • b) sviluppo di “soft skills”
  • c) corsi di lingua
  • d) altre tipologie di attività di ricerca
  • In generale i progetti devono rispondere almeno a questi criteri oggettivi di metodo: 
    1) chiarezza e realizzabilità degli obiettivi; 
    2) innovatività ed originalità

Questi criteri possono variare a seconda del contesto e delle specifiche del progetto. Sarà il Comitato Scientifico ad eseguire una valutazione completa che terrà conto di questi fattori nella valutazione del suo merito.

Puoi rivolgerti all’ufficio del coordinamento didattico o all’ufficio stage del tuo Dipartimento, oppure al Docente indicato dal Dipartimento quale componente del Comitato Scientifico, deputato alla valutazione dei progetti.

E’ possibile contattare l’Ufficio Benefici agli Studenti.

Sì, perché si riferiscono ad anni accademici diversi.