Ti trovi qui: Home » Didattica » Lauree magistrali di secondo livello » Ingegneria meccanica

Legenda:

corso ad accesso libero Corso ad accesso libero;
corso a numero programmato Corso a numero programmato;
corso tenuto in lingua inglese Corso in lingua inglese;
corso a distanza Corso in modalità mista o prevalentemente a distanza.

Collegamenti


immagine della copertina della guidaGuida Unimore 2022-2023.

Tecnologia / Laurea magistrale
Ingegneria meccanica

Unimore Orienta - open day 22 febbraio 2022
Presentazione dei corsi di laurea dell'anno accademico 2022-2023

Titolo di studio Laurea magistrale in Ingegneria meccanica
Classe di Laurea MIUR LM-33 Classe delle lauree magistrali in ingegneria meccanica
Durata del corso di studi 2 anni - 120 CFU Crediti Formativi Universitari

Informazioni per l'anno accademico 2022-2023

Le informazioni relative all'anno accademico 2022-2023 sono in corso di aggiornamento e possono essere suscettibili di ulteriori modifiche/integrazioni.

Modalità di frequenza Lezioni tradizionali
Accesso Accesso Libero   Libero
Sede del corso via Pietro Vivarelli, 10
41125 Modena
Referenti Presidente prof. Silvio Sorrentino silvio.sorrentino@unimore.it
DelegatoTutorato dott. Antonio Zippo antonio.zippo@unimore.it
Scuola di Ingegneria » Dipartimento di Ingegneria "Enzo Ferrari"
Sito web www.ing.unimore.it/LM/IngMecc
Regolamento didatticoTesto completo in PDF (valido a partire dall'a.a. 2017-2018)
Piano di studi Piano di studi e scheda informativa dalla Guida di Dipartimento/Facoltà

Presentazione

Chi si iscrive al Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica intende approfondire la sua preparazione ingegneristica, mantenendo quella trasversalità e quella connotazione interdisciplinare che da sempre ha reso il titolo di studio spendibile nei più svariati settori dell’industria manifatturiera. Il corso è caratterizzato dal forte legame con le imprese del territorio, a forte vocazione meccanica, nelle quali i laureati si inseriscono facilmente.

Cosa si studia

Concorrono specificamente al bagaglio culturale del Laureato Magistrale in Ingegneria Meccanica la conoscenza dei metodi di progettazione più recenti nei settori: tecnologia meccanica, costruzione di macchine, oleodinamica, impiantistica industriale, energetica, automazione, numerica e informatica. Gli allievi utilizzano strumenti software dedicati, di impiego anche industriale. Il curriculum Industria 4.0 proietta il laureato verso il futuro dell’industria moderna. Oltre all’attività didattica in aula e in laboratorio gli studenti possono partecipare alla “Formula Student”, una prestigiosa competizione aperta agli studenti di Ingegneria di tutto il mondo, nella quale essi devono progettare e costruire una vettura.

Cosa si diventa

I laureati magistrali in Ingegneria Meccanica hanno moltissime possibilità di sbocchi occupazionali in quasi tutti i comparti industriali. I laureati magistrali in Ingegneria Meccanica sanno svolgere e gestire attività quali la progettazione, lo sviluppo, la produzione, l’installazione, il collaudo e la manutenzione di linee e reparti di produzione. Trovano occupazione con posizioni anche di alto livello in imprese manifatturiere, di servizi e nelle amministrazioni pubbliche che operano nei campi della meccanica, dell’impiantistica, dell’automazione, della robotica e dell’oleodinamica. Possono esercitare la libera professione di Ingegnere nelle varie specializzazioni regolate dalle leggi dello Stato nell’ambito dell’ordine Professionale degli Ingegneri.


Questa pagina è stata utile?