Ti trovi qui: Home » Didattica » Lauree magistrali di secondo livello » Antropologia e storia del mondo contemporaneo

Legenda:

corso ad accesso libero Corso ad accesso libero;
corso a numero programmato Corso a numero programmato;
corso tenuto in lingua inglese Corso in lingua inglese;
corso a distanza Corso in modalità mista o prevalentemente a distanza.

Collegamenti


immagine della copertina della guidaGuida Unimore 2022-2023.

Società e cultura / Laurea magistrale
Antropologia e storia del mondo contemporaneo

Unimore Orienta - open day 22 febbraio 2022
Presentazione dei corsi di laurea dell'anno accademico 2022-2023

Titolo di studio Laurea magistrale in Antropologia e storia del mondo contemporaneo
Classe di Laurea MIUR LM-1 - Classe delle lauree magistrali in antropologia culturale ed etnologia
LM-84 Classe delle lauree magistrali in scienze storiche
Durata del corso di studi 2 anni - 120 CFU Crediti Formativi Universitari

Informazioni per l'anno accademico 2022-2023

Le informazioni relative all'anno accademico 2022-2023 sono in corso di aggiornamento e possono essere suscettibili di ulteriori modifiche/integrazioni.

Modalità di frequenza Lezioni tradizionali
Accesso Accesso Libero   Libero
Sede del corso largo Sant'Eufemia, 19
41121 Modena | e-mail: segreteria.studilinguistici@unimore.it
Referenti Presidente prof.ssa Vallori Rasini vallori.rasini@unimore.it
ReferenteTutorato dott.ssa Angela Piroddi angela.piroddi@unimore.it
Dipartimento/Scuola » Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali
Sito web www.dslc.unimore.it/LM/ASMC
Piano di studi Piano di studi e scheda informativa dalla Guida di Dipartimento/Facoltà
Bandi / Graduatorie Extract of the Call for application to the master's degree Programme in ANTHROPOLOGY AND HISTORY OF CONTEMPORARY WORLD
Bando di ammissione al corso di laurea magistrale in ANTROPOLOGIA E STORIA DEL MONDO CONTEMPORANEO

Presentazione

Antropologia e storia del mondo contemporaneo è un corso di laurea magistrale interclasse unico nel suo genere. Consente di conseguire la laurea magistrale in Antropologia culturale ed etnologia o in Scienze storiche, a scelta dello studente. La caratterizzazione interclasse del CdS fornisce agli studenti una base interdisciplinare comune di conoscenze riguardo a concetti, modelli e metodi delle scienze sociali contemporanee.

Cosa si studia

Gli studenti potranno acquisire gli strumenti per valutare i problemi del presente in una prospettiva storica comparativa e aperta alla intera gamma dei comportamenti umani. L’obiettivo principale del corso è di fornire strumenti e metodi adeguati per comprendere la complessità del mondo contemporaneo e per analizzare i conflitti di culture che lo caratterizzano, seguendo le prospettive della storiografia, dell’etnologia e dell’antropologia, con il contributo delle altre scienze umane: filosofia, sociologia, islamistica. L’approccio interdisciplinare consente di leggere una realtà segnata da globalizzazione economica, processi migratori, crescente intercomunicazione, razzismo, nuovi rapporti tra i generi.

Cosa si diventa

I laureati potranno trovare impiego nelle organizzazioni internazionali, nel campo della cooperazione, dello sviluppo e delle azioni umanitarie. Avranno accesso alle attività pubblicistiche ed editoriali di documentazione, ricerca e divulgazione. Si potranno impegnare nella progettazione scientifica e nella gestione di istituti di cultura, di cooperative e del turismo culturale. La specializzazione storica può dare accesso all’impiego nella pubblica amministrazione, nei musei, negli archivi e nelle biblioteche; la specializzazione antropologica favorisce l’ingresso negli enti che si dedicano al fenomeno delle migrazioni, alla mediazione culturale, ai problemi sociali. Gli studenti potranno proseguire il loro percorso mediante master di secondo livello di studi antropologici e storici – tra cui quello particolarmente innovativo di Public history, nato nel 2015-16 nel Dipartimento – e nelle scuole di dottorato. Il corso permette inoltre di acquisire crediti che consentono, con eventuali integrazioni, di accedere ai tirocini formativi e partecipare alle selezioni per l’abilitazione all’insegnamento in ambito storico-filosofico.


Questa pagina è stata utile?