Ti trovi qui: Home » Didattica » Lauree magistrali di secondo livello » Biologia sperimentale e applicata

Legenda:

corso ad accesso libero Corso ad accesso libero;
corso a numero programmato Corso a numero programmato;
corso tenuto in lingua inglese Corso in lingua inglese;
corso a distanza Corso in modalità mista o prevalentemente a distanza.

Collegamenti


immagine della copertina della guidaGuida Unimore 2022-2023.

Vita / Laurea magistrale
Biologia sperimentale e applicata

Unimore Orienta - open day 22 febbraio 2022
Presentazione dei corsi di laurea dell'anno accademico 2022-2023

Titolo di studio Laurea magistrale in Biologia sperimentale e applicata
Classe di Laurea MIUR LM-6 Classe delle lauree magistrali in biologia
Durata del corso di studi 2 anni - 120 CFU Crediti Formativi Universitari

Informazioni per l'anno accademico 2022-2023

Le informazioni relative all'anno accademico 2022-2023 sono in corso di aggiornamento e possono essere suscettibili di ulteriori modifiche/integrazioni.

Modalità di frequenza Lezioni tradizionali
Accesso Accesso Programmato   Programmato, dettagli nel bando di ammissione.
Sede del corso via Giuseppe Campi, 287
41125 Modena
tel. 059 205 8525 | e-mail: segrdid.scienzevita.bioscienze@unimore.it
Referenti Presidente prof.ssa Anna Maria Mercuri annamaria.mercuri@unimore.it
DelegatoTutorato dott.ssa Federica Boraldi federica.boraldi@unimore.it
Dipartimento/Scuola » Dipartimento di Scienze della Vita
Sito web www.dsv.unimore.it/LM/BIOspa
Regolamento didatticoTesto completo in PDF (valido a partire dall'a.a. 2022-2023)
Piano di studi Piano di studi e scheda informativa dalla Guida di Dipartimento/Facoltà
Bandi / Graduatorie Graduatoria di Ammissione al corso di laurea Magistrale in Biologia sperimentale ed applicata 2a selezione A.A. 2022-2023
Graduatoria di Ammissione al corso di laurea Magistrale in Biologia sperimentale ed applicata 1a selezione A.A. 2022-2023
Bando di ammissione al corso di laurea magistrale ad accesso programmato di Biologia sperimentale e applicata per l’anno accademico 2022/2023

Presentazione

Il Corso di Laurea in Biologia Sperimentale e Applicata prepara un laureato di alto profilo professionale che può affacciarsi sul mercato del lavoro con competenze radicate su una solida base culturale. Nel piano di studi sono presenti, infatti, le materie che svolgono il ruolo di strumento base della biologia, in un percorso comune, e le materie applicate in special modo alla comprensione della stretta relazione tra salute umana e salute ambientale, con un curriculum su nutrizione e patologia e un curriculum su evoluzione ed ecologia. In questo modo, il laureato di questa magistrale possiede un originale patrimonio di competenze tecniche e biologiche che potrà presto spendere in una gamma ampia di attivita` lavorative. Il percorso richiede che la tesi sia sperimentale, con attivita` svolta presso laboratori altamente qualificati dove affinare abilità pratiche e capacita` critica. Questo corso fornisce una preziosa versatilità grazie a materie che ampliano la preparazione della laurea triennale e materie che forniscono approfondimenti sugli aspetti piu` aggiornati e urgenti della ricerca biologica.

Cosa si studia

Dopo un primo semestre comune, che affronta la genetica molecolare e l'epigenetica, le tecniche molecolari, l'analisi dei dati e i sistemi di qualità, l'offerta didattica prevede la scelta tra due curricula. Nel curriculum "Studio, controllo e tutela della salute" lo studente approfondirà le tematiche inerenti alimenti e nutrizione, diagnostica di laboratorio, analisi chimico-cliniche, fisiologia del metabolismo, biologia e fisiopatologia della nutrizione, patologia e integrazione immuno-neuroendocrina, farmacologia. Il percorso "Evoluzione, controllo e tutela della biodiversità e dell'ambiente" tratterà argomenti incentrati su monitoraggio biologico, evoluzione e filogenesi, studio ecologico e certificazioni ambientali, trasformazioni in atto e sostenibilità ambientale, impatto antropico e cambiamenti globali. In coerenza con il curriculum scelto, i corsi a libera scelta e le tematiche di ricerca affrontate per lo svolgimento della tesi permettono allo studente di personalizzare il proprio percorso, con una preparazione approfondita nel settore di specifico interesse.

Cosa si diventa

Il Biologo è un professionista in grado di ideare e coordinare azioni interdisciplinari, inerenti le relazioni tra qualità ambientale e salute umana. Può specializzarsi e portare innovazione in attività di monitoraggio in laboratorio o in campo, lavorando in aziende pubbliche, enti di ricerca e parchi, in aziende private collegate all'industria alimentare, biomedicale, biochimica, cosmetica, e ancora in enti del settore sanitario, dell'igiene pubblica, di conservazione e tutela della biodiversità. L'Esame di Stato per Biologo Senior (DPR n. 328 del 5 giugno 2001) permette di iscriversi all'Ordine Nazionale dei Biologi.


Questa pagina è stata utile?