Ti trovi qui: Home » Amministrazione trasparente » Altri contenuti

Altri contenuti

Prevenzione della Corruzione

Responsabile della prevenzione della corruzione: dott. Stefano Ronchetti

Accesso civico (art. 5 D.lgs n. 33/2013)

L'accesso civico è il diritto di "chiunque", anche non portatore di un interesse qualificato, di richiedere i documenti, le informazioni o i dati che le pubbliche amministrazioni abbiano omesso di pubblicare pur avendone l'obbligo, ai sensi del decreto legislativo 33/2013.
L'accesso civico può essere esercitato gratuitamente, non deve essere motivato e la richiesta va inoltrata al Responsabile della Trasparenza (dott. Stefano Ronchetti), indirizzandola all'Ufficio Relazioni con il Pubblico, via Università 4, 41121 Modena.
La richiesta può essere inviata scegliendo una delle seguenti modalità:

  • - tramite posta elettronica all'indirizzo stefano.ronchetti@unimore.it allegando copia del documento di identità di chi firma la richiesta;
  • - tramite fax al numero 059 245156 allegando copia del documento di identità di chi firma la richiesta;
  • - direttamente presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico, via Università 4 – 41121 Modena.

Il Responsabile della Trasparenza, ricevuta la richiesta, verifica la sussistenza dell'obbligo di pubblicazione e, in caso positivo, provvede alla pubblicazione dei documenti o informazioni oggetto della richiesta nella sezione Amministrazione trasparente del sito istituzionale www.unimore.it, entro il termine di 30 giorni.
Provvede, inoltre, a dare comunicazione della avvenuta pubblicazione al richiedente indicando il relativo collegamento ipertestuale. Se quanto richiesto risulta già pubblicato, ne dà comunicazione al richiedente indicando il relativo collegamento ipertestuale. In caso di inerzia o di mancata risposta nei termini previsti dalla normativa, il potere sostitutivo viene esercitato dal Vice Direttore Generale dell'Ateneo, dott.ssa Gabriella Brancolini (tel. 059.2058338 - e-mail: gabriella.brancolini@unimore.it)

Segnalazione di illeciti (whistleblower)

L'art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un nuovo articolo, il 54 bis 1, nell'ambito del d.lgs. 165/2001, rubricato "tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti".
Tale norma è stata recepita nel Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione di Ateneo 2014-16 - paragrafo 9.4. Con l'espressione "whistleblower" si fa riferimento al dipendente di un'amministrazione che segnala violazioni od irregolarità, commesse ai danni dell'interesse pubblico, agli organi legittimati a intervenire.

I dipendenti e i collaboratori che intendono segnalare situazioni di illecito (fatti di corruzione ed altri reati contro la pubblica amministrazione, fatti di supposto danno erariale o altri illeciti amministrativi) di cui sono venuti a conoscenza nell'amministrazione debbono utilizzare questo modello.

» Regolamento per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (whistleblowing policy)
» Modulo segnalazione di illeciti: Versione PDF - Versione RTF

Accessibilità e catalogo di dati, metadati e banche dati

Sezione in corso di allestimento

Telelavoro

- Piano per l’utilizzo del telelavoro - anno 2013
- Piano per l'Utilizzo del telelavoro - anni 2014 2015

Dati Ulteriori

Razionalizzazione dell'uso di dotazioni strumentali, delle autovetture di servizio e dei beni immobili

Relazione annuale art. 2 comma 594 e ss Legge 244/2007
Piano Triennale per la razionalizzazione dell'utilizzo delle dotazioni strumentali, delle autovetture di servizio e dei beni immobili

Direttiva Dipartimento Funzione Pubblica n. 6/2010
Utilizzo delle autovetture in dotazione

Monitoraggio accessi

Monitoraggio accessi alla sezione Trasparenza